Con il termine “Pilates” viene indicato un metodo di allenamento fisico ideato circa un secolo fa da Joseph Pilates, che migliora la forza e la mobilità articolare senza un eccessivo aumento della massa muscolare.

Esso è una vera e propria disciplina che lavora sul rafforzamento fisico, sulla coordinazione motoria e sulla concentrazione mentale. Gli esercizi sono svolti con l’assistenza di un istruttore qualificato, utilizzando tutte le attrezzature appositamente ideate da Joseph Pilates per insegnarli con controllo e sicurezza.

Nel corso degli anni sono nate una miriade di varianti e modificazioni del metodo originale, che spesso lo semplificano o addirittura ne cambiano notevolmente i contenuti per seguire le mode e “commercializzarlo” su larga scala, rovinandone l’immagine e limitandone l’efficacia. Posso invece affermare che i migliori risultati si hanno apprendendo il metodo nella sua forma originale che comprende sia esercizi a corpo libero, il cosiddetto “matwork”, che esercizi con i macchinari, che rappresentano la parte più efficace del metodo. Così facendo si scoprirà che veramente nulla è stato lasciato al caso, ogni movimento ha un preciso obbiettivo e se ne avvertirà da subito l’efficacia.

Il fine ultimo del Pilates è quello di avere un corpo in salute, il metodo si addice quindi a tutti coloro che vogliano migliorare la propria forma e il proprio benessere psico-fisico, senza rischi e secondo le proprie capacità. Può essere insegnato sia singolarmente che in gruppo, l’insegnante guida la persona ad eseguire esercizi sempre più avanzati eventualmente adottando opportune modifiche, indispensabili nei casi di problematiche fisiche, migliorando progressivamente forza, elasticità controllo del proprio corpo.

Contattami per avere maggiori informazioni.

 

Joseph Pilates

Joseph Pilates fu la persona che inventò un nuovo approccio all’allenamento fisico, sviluppando un metodo che comprende oltre 500 esercizi da effettuare sia a corpo libero che con l’ausilio di attrezzature specifiche da lui stesso inventate.

Nato in Germania nel 1883, Pilates dedicò la sua intera vita allo studio del movimento e dell’allenamento fisico. Si trasferì in Inghilterra nel 1914 e fu internato durante la prima guerra mondiale con altri cittadini tedeschi in un campo vicino a Lancaster a causa della sua nazionalità tedesca.
Proprio in quel luogo iniziò ad addestrare altri detenuti per migliorare la loro forma fisica e fu proprio in quel luogo che il suo metodo cominciò pian piano a prendere forma.

Dopo la guerra, Pilates emigrò negli Stati Uniti, incontrò la sua futura moglie Clara ed insieme fondarono uno studio a New York City, dove iniziò a insegnare il suo metodo.

Alcuni anni dopo, si recò da lui Romana Kryzanowska, che allora era ballerina della School of American Ballet in New York, per cercare di risolvere un problema alla caviglia, prima di decidersi a sottoporsi a un intervento chirurgico.
Pilates riuscì a risolvere il suo problema in poche lezioni e proseguì ad insegnarle tutto il suo metodo. In seguito Romana, grazie alla sua energia e professionalità, si guadagnò la fiducia di Pilates che la incaricò di portare avanti i suoi insegnamenti.

La scuola

La scuola Romana’s Pilates, fondata e diretta a New York da Romana Kryzanowska e, successivamente alla sua scomparsa, dalla figlia Sari Mejia Santo e dalla nipote Daria, raccoglie la diretta eredità di Joseph Pilates.

La scuola si pone come obbiettivo la formazione di istruttori altamente qualificati che siano in grado di insegnare il metodo così come è stato ideato da Joseph Pilates, senza trascurare nessun dettaglio; prevede un lungo percorso di studi ed esami sia teorici che pratici e soprattutto un tirocinio della durata minima di 700 ore, durante il quale vengono apprese con la massima precisione tutte le tecniche previste dal metodo, sia per l’insegnamento degli esercizi a corpo libero che per l’utilizzo dei numerosi macchinari.

Per chi e perché

Persone con problemi fisici

Il Pilates non è medicina, fisioterapia o osteopatia e, a differenza di queste discipline, non lavora sulla parte del corpo che presenta un problema, per non sovraccaricarla.

I benefici si hanno invece indirettamente: grazie agli effetti del progressivo e graduale rinforzo del centro del nostro corpo, si riacquistano una corretta postura, elasticità, controllo del movimento e lentamente si aiuta a recuperare anche laddove si ha il problema.

Il Pilates quindi affianca e prosegue il lavoro svolto dalle altre discipline, con la differenza di coinvolgere attivamente la persona per farla diventare protagonista del suo percorso di miglioramento verso il benessere fisico.

Persone sedentarie o con cattive posture

Stare seduti alla scrivania per molto tempo ogni giorno assumendo cattive posture è una delle principali cause di dolori e  debolezze. Le persone troppo sedentarie o che al contrario sono obbligate dal proprio lavoro quotidiano ad effettuare sforzi eccessivi e faticosi, percepiscono immediatamente i benefici del metodo.

“Da quando pratico Pilates non ho più mal di schiena, mi sento più sciolto, ho diminuito l’uso di anti infiammatori, sto meglio…..” sono frasi che spesso sento dire dopo qualche lezione e che mi danno grande soddisfazione, confermando sempre più la validità del metodo.

Sportivi

Da un po’ di anni a questa parte moltissimi sportivi di alto livello inseriscono il Pilates nei loro allenamenti.

Purtroppo lo sportivo viene spesso a conoscenza del metodo solo dopo aver subito infortuni, per ridurre i tempi e migliorare l’efficacia del recupero. Questa disciplina invece darebbe i migliori risultati se praticata come base per rinforzare la muscolatura profonda del centro del corpo, migliorare l’elasticità muscolare e quindi prevenire i traumi più comuni.

Per lo sportivo che fa un intenso allenamento muscolare specifico, il Pilates risulta estremamente utile per dare elasticità al corpo mentre si rinforza e per sviluppare i muscoli legati al centro del corpo, bilanciando tutti gli apparati muscolari. Questo porta ad avere un maggiore controllo del movimento, una diminuzione degli sprechi di energia in movimenti inutili ed una maggiore longevità sportiva.

Persone anziane

A differenza di quanto si potrebbe pensare l’età non è un limite nella pratica del Pilates, si possono fare una gran quantità di esercizi sia con le macchine che a corpo libero, calibrandone l’intensità e la gradualità.

Non si ha quindi solo un mantenimento fisico, ma un vero e proprio miglioramento, rinforzando il centro del corpo senza gravare sulle articolazioni in base alle possibilità di ogni persona.

Contattami per avere maggiori informazioni.